La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Terremotati, vivere per 30 anni in un container

17-12-2009

di

La burocrazia ha chiuso in un container dell’Irpinia marito e moglie. Dal 1980 guardano la loro casa dove non possono tornare impediti da un labirinto di cavilli. Il marito non ce l’ha fatta; la moglie sopravvive in una gabbia piantata sulla terra nuda.

Nelle campagne di Sant’Angelo a Scala, Avellino, la mia ex parrocchia, un fatiscente e invivibile container ha ospitato una coppia di anziani contadini dal terremoto dell’80. La loro casa colonica è a due passi dal container, ma non può essere riparata per le solite beghe burocratiche che umiliano le persone quando non è la legge a servizio dell’uomo, ma l’uomo a servizio di essa. Due anni fa Antonio Pirone, a 58 anni di età, è morto per un tumore ai polmoni, aggravato se non causato dalle condizioni in cui ha vissuto per quasi trent’anni. Ora, nel container freddo e umido, poggiato sulla nuda terra, è rimasta Ernestina Cristiano, di 66 anni, da sola. La loro è una storia incredibile, la cui soluzione è nelle maglie della burocrazia e della giusta applicazione delle leggi. Lo Stato ha stanziato per la ristrutturazione della loro vecchia casa terremotata una ventina di milioni di vecchie lire, che però potranno essere utilizzati solo dopo il versamento dell’accollo spese che spetta al proprietario: circa trentacinque mila euro, che ovviamente è una cifra enorme per dei contadini. Questo perché nell’80 proprietaria della casa era la madre di Antonio, che è morta dopo pochi mesi dal terremoto, lasciando in eredità la casa ai figli. Antonio acquistò le quote dei fratelli, senza poter più usufruire dell’intero contributo per la ristrutturazione della casa, ma solo di una parte. La legge dice questo e gli amministratori che applicano questa legge stanno nel giusto, non potendo fare altrimenti.

Antonio ed Ernestina hanno chiesto per anni, inutilmente, che i diecimila euro spettanti allo Stato fossero sbloccati e utilizzati per ristrutturare una parte della casa in cui vivere dignitosamente: le ditte edili del paese avrebbero eseguito gratuitamente i lavori. Ci sono state sentenze del tribunale che invano hanno obbligato il Comune ad intervenire. Abbiamo scritto a Presidenti della Repubblica e del Consiglio, ai Sindaci e ai Prefetti che si sono succeduti in questi anni. Sarebbe bastato un po’ di buon senso! In una delle ultime lettere al Prefetto di Avellino, prima del Natale di tre anni fa e poco prima che Antonio morisse, chiedevo che per la soluzione del problema bisognava farsi guidare “dal senso di giustizia e dall’esigenza di dare un tetto dignitoso ad Antonio ed Ernestina: incontriamoci io Lei e il Sindaco di Sant’Angelo a Scala per trovare una qualche soluzione a questa triste storia che, anche se per una volta non vede responsabili diretti, comunque deve essere risolta al più presto. Duemila anni fa una coppia di coniugi a Betlemme non trovò posto in nessun albergo; facciamo in modo che per questo Natale questa coppia di coniugi abbia almeno la speranza che al più presto per loro ci sia un alloggio dignitoso”. Invece hanno lasciato morire Antonio in quello squallore, dove continuano a far vivere Ernestina.

Per il prossimo Natale tutti noi daremo solidarietà ai bimbi africani o ai migranti clandestini, ed è giustissimo. Non sarebbe però giusto non accorgerci che anche tra di noi ci sono persone che hanno bisogno della nostra solidarietà e del nostro aiuto. Ernestina è una di queste.

 

Commenti

  1. salvatore longo

    dove sono stati i governi che si sono succeduti e la protezione civile?