La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

» Mondi

America Centrale

HAITI 2 / La nostra portaerei debutta in società

19-01-2010

di

Sta navigando verso Haiti la portaerei Cavour. Ancorata dallo scorso giugno al Muggiano (La Spezia) per mancanza di carburante, la nostra “prima vera portaerei” aveva finora dato notizia di sè per aver ospitato il lancio pubblicitario della Fiat Punto Evo. Non poteva perciò mancare all’appuntamento con le colleghe navi da guerra degli Usa. Quale miglior occasione, infatti, per il “battesimo operativo” dell’ammiraglia se non il soccorso alle vittime del terremoto? Un’occasione anche per mostare la “versatilità” di questo gioiello della … continua »

Pubblicato in America Centrale

HAITI 1 / Spostiamo Haiti nel nostro mondo

19-01-2010

di

Agli haitiani è rimasta una speranza: non sparire dalle prime pagine dei giornali. Quei corpi ammucchiati come legna o sciolti nelle strade devono perseguitarci fino a quando prende forma una solidarietà non solo concreta: matura. Non provvisoria: dialogante. Lontana dai ricatti provvidenziali dei piani Marshall, quegli aiuti in cambio di insediamenti militari o domini commerciali che hanno permesso all’Europa di rifare le spalle forti, ma la galassia delle basi armate 60 anni dopo condiziona le nostre abitudini. Proteste inutili, trattati … continua »

Pubblicato in America Centrale

I levrieri cubani dell’assassino di Trozki

14-01-2010

di

L’uomo che a Città del Messico ha ucciso per ordine di Stalin, uscito di carcere è diventato “eroe dell’Unione Sovietica” e ha passato la vecchiaia all’Avana. Leonardo Padura Fuentes, lo scrittore che fruga nei segreti di Cuba, racconta chi é.

Leonardo Padura Fuentes, El hombre que amaba a los perros, Tusquets, Barcelona, 2009, pp. 573.

L’AVANA – L’ultimo libro di Leonardo Padura Fuentes edito in Spagna, passa già di … continua »

Pubblicato in America Centrale

HAITI – come noi abbiamo prepararato la catastrofe umana

14-01-2010

di

Haiti non è stata solo dimenticata da più di cento anni. Purtroppo il mondo civile se ne è occupato. Tagliando le foreste che erano l’incanto dei Carabi. Una società di Marsiglia aveva bisogno di cenere per fare saponi. Parigi e New York avevano bisogno di un dittatore paranoico come Duvalier (Papa Doc) per tenere a bada “gli spiriti ribelli”. La Chiesa aveva bisogno del buon rapporti con l’uomo forte autorizzato da Roma a scegliere il Primate il quale nominava altri … continua »

Pubblicato in America Centrale

All’Avana aspettano l’angelo internet

03-01-2010

di

L’AVANA – Il domenicale “Juventud Rebelde”, giornale della gioventù cubana, il 27 dicembre, all’approssimarsi della fatidica data del 1° gennaio, quando si celebra allo stesso tempo il nuovo anno e un anno in più della Rivoluzione, ha raccolto le opinioni, i desideri, le critiche di un campionario di cittadini, agricoltori, ingegneri industriali, casalinghe, artisti, medici, ecc. fra cui il Gran Maestro della Loggia Massonica di Cuba che augura al paese quella che per i suoi affiliati è la cosa più … continua »

Pubblicato in America Centrale

Honduras: Washington non riconosce i golpisti ma il “suo” Fondo Monetario li finanzia. Perché?

02-10-2009

di

(Esclusivo per Domani) La dittatura civil-militare in Honduras chiama alle elezioni per contrastare l’opposizione nazionale e internazionale verso il colpo di stato che ha abbattuto il governo di Manuel Zelaya e, così, imporre la sua politica di assoggettamento del popolo, messa in atto da oltre settanta giorni.
È fondamentale che i governi e la comunità internazionale si oppongano all’ipocrisia di nuove elezioni che hanno come unico scopo quello di consolidare gli obiettivi politici e gli interessi dei golpisti.
La dittatura … continua »

Pubblicato in America Centrale

L’AVANA E WASHINGTON SI PARLANO CANTANDO

21-09-2009

di

Dopo 50 anni in Piazza della Rivoluzione non parlano né Fidel né Raul. Star venute da Miami e da ogni parte del mondo incantano un milione di ragazzi. I musici di “Pace senza Frontiere” sono il primo filo Tv tra Castro e Obama. Ambasciatori Juanes,  Silvio Rodriguez, Jovanotti, Miguel Bosé. Chi è scappato a Miami, torna ballando.

Fonte: ANSA.it

L’Avana. La novità della piazza della Rivoluzione … continua »

Pubblicato in America Centrale

Nel Messico ridotto alla carestia esploderà una nuova Rivoluzione della fame?

03-09-2009

di

Il presidente conservatore Calderon affida agli spot e a migliaia di chiamate dei suoi call center la speranza di calmare chi sta scoppiando

Nel 1810 in Messico si dichiarò l’indipendenza dalla Spagna (nella foto il celeberrimo murales di José Clemente Orozco). Nel 1910 scoppiò la Rivoluzione zapatista. Alla vigilia del 2010, secondo la Conferenza Nazionale Contadina (CNC), il paese è al bordo della fame di massa.
Per i fagioli, i frijoles, si teme un meno 80% nel prossimo raccolto, … continua »

Pubblicato in America Centrale

Pagina 4 di 41234