La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

» Mondi

Medioriente

MASSACRI IN MEDIO ORIENTE (3) – Lettera aperta da Gaza ai colleghi giornalisti italiani

22-08-2011

di

 In tutti i 360 km² della Striscia di Gaza si succedono i bombardamenti di elicotteri Apache, Droni e cacciabombardieri F16 israeliani che si aggiungono ai cannoneggiamenti dal mare. L’offensiva lanciata da Israele dopo l’attentato di Eliat – immediatamente scattata senza aprire alcuna inchiesta sui reali responsabili – colpisce i civili: solo il primo giorno, 3 i bambini morti su 9 persone: 11, 13, 2 anni i piccoli angeli … continua »

Pubblicato in Medioriente

MASSACRI IN MEDIO ORIENTE (1) – Non è che Cia e Turchia stiano armando la rivolta di chi non sopporta la dittatura di Assad?

22-08-2011

di

Il saggio fa riferimento all’“Opzione Salvador” del Pentagono in Iraq e la sua rilevanza per la Siria. Il programma è stato attuato sotto il mandato di John D. Negroponte, che fu ambasciatore degli USA in Iraq (giugno 2004-aprile 2005). L’attuale ambasciatore in Siria, Robert S. Ford, ha fatto parte del team di Negroponte a Baghdad nel 2004/2005. continua »

Pubblicato in Medioriente

MASSACRI IN MEDIO ORIENTE (2) – Assad figlio sulle orme del padre: quel massacro di Hama 29 anni dopo (io c’ero e ve lo racconto)

22-08-2011

di

 Assad sa di essere sullo scivolo ed è difficile capire perché continui ad affidare alla cupola militare l’illusione della sopravvivenza. Non ha la dimensione del padre, né il carisma, né il cinismo che consentiva al generale golpista (becchino del socialismo levantino del partito Baath’s) di tenere alla corda la maggioraza sunnita, lui, discendenza aluita (setta sciita) ma ateo per “vocazione naturale”. Bisogna dire che Assad figlio faceva il … continua »

Pubblicato in Medioriente

Le donne e i Paesi in guerra: vittime predestinate e portatrici di rivoluzioni inascoltate

30-06-2011

di

Dai fermenti sulle coste del Mediterraneo al contagio in diversi Paesi islamici, si assiste a una sorta di primavera politica in quella parte del mondo. Ma i flussi dei profughi raccontano anche un’altra storia: la fuga dalla povertà e da una condizione che, soprattutto alle donne, rischia di imporre ancora a lungo sottomissione e obbedienza. I segnali di cambiamento ci sono, a iniziare dall’abbigliamento “all’occidentale”, ma per la componente femminile di quella società c’è ancora emarginazione e silenzio continua »

Pubblicato in Medioriente

Israele dal grilletto facile: licenza di uccidere a chi ha trasformato in “territorio nazionale” l’occupazione “provvisoria” del 1967

06-06-2011

di

Nuova strage di pacifici manifestanti palestinesi per mano del solito esercito israeliano dall’ammazzamento facile. Dopo la ventina di omicidi, con contorno di centinaia di feriti, di pochi giorni fa in occasione delle manifestazioni per la Naqba, cioè per “Il Disastro” della cacciata a mano armata di 700 mila palestinesi dalle loro terre seguita alla proclamazione dello Stato di Israele, ecco la ventina di omicidi delle ultime ore in … continua »

Pubblicato in Medioriente

Com’è difficile raccontare le guerre: quando la rabbia della follia si scatena contro i giornalisti stranieri accusati di “bombardare case e famiglie innocenti”

30-05-2011

di

Il governo di Gheddafi si scusa ma continua ad arrestare i reporter venuti da fuori. E la polizia segue ogni passo. Alberghi trasformati in quasi prigioni. Coltelli alla gola. Fotografi e cronisti assassinati. E il caso inquietante di Anton Hammerl, “disperso” da aprile. Autorità che ripetono è vivo e sta per essere rilasciato. Alla fine dure righe per annunciare che è morto continua »

Pubblicato in Medioriente

Promotori di pace in Medio Oriente: Italia-Israele, amicizia nel nome del traffico di armi

19-05-2011

di

Grandi affari nel nome della reciproca sicurezza: l’accordo tra il governo del Cavaliere e Gerusalemme apre la cooperazione nell’importazione-esportazione di materiale bellico. L’Archivio del Disarmo testimonia gli scambi miliardari di Finmeccanica, Oto Melara, Galileo Avionica, Beretta, Simmel Difesa continua »

Pubblicato in Medioriente

La Siria dei massacri resta intoccabile: riunisce vizi, egoismi, furbizie del mondo intero, e il mondo libero non se la sente di distruggere le proprie ambiguità

12-05-2011

di

Siria Hama - Foto di DruidabruxuxTempo fa, si parlava con un caro amico siriano dei vari tabù alla satira nelle nostre società. Raccontavo che, da molti decenni in Italia la triade conservatrice “Dio, Patria, Famiglia” si sta sfasciando dalle risate, incapace di reggersi ideologicamente in piedi. Lui mi rispondeva: “Anche da noi, in Siria, si può scherzare su tutto: perfino sulla Madre, sulla Sorella e … continua »

Pubblicato in Medioriente

Pagina 2 di 41234