La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17”. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

La Russia comincia a scegliere il nuovo presidente: Putin con Medvedev, lotta all’ultimo reggiseno strappato

01-09-2011

di

Intanto i disegnatori i di MonologTv coprono Mosca con i loro manifesti “spudorati”. Prima del Gay Pride il presidente di oggi e quello che vuol tornare appaiono in effemminati completini da tennis. Subito il potere strappa al mattino i “peccati della notte”. E risponde: Putin diventa James Bond, Medevev Capitan Russia: ma che noia parlare di diritti civili e – finalmente – di democrazia continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Rinasce l’Europa nera nell’arcipelago “gulash”

01-09-2011

di

In Ungheria il governo della destra “liberamente eletto” ha licenziato 540 giornalisti della radio-tv di Stato e li ha sostituiti con penne uscite dalla guardia magiara, nostalgia del governo negli anni di Hitler. Cancellato da ogni produzione il grande e scomodo regista Miklos Jacsòn. E la destra della repubblica resuscita il razzismo di Norimberga: sterilizzare le donne rom ed escludere dalle cure sanitarie il “popolo che non lavora” continua »

Pubblicato in Europa orientale

Primavere arabe: l’eterno inverno del Bahrein

01-09-2011

di

Non ha gli amici giusti e non interessa nemmeno ad Al Jazeera. Violazioni dei diritti umani e un’oppressione asfissiante di chi regna su persone ridotte a fantasmi. Si è deciso che non fanno notizia anche perché le notizie inseguono le proteste coccolate dai soliti protettori e i ribelli del Bahrein spariscono sotto le attenzioni per i ribelli di Libia continua »

Pubblicato in Medioriente

L’ALFABETO DELL’AFRICA – L come Libia, e come Libertà (condizionata)

25-08-2011

di

La guerra sta per finire, ogni paese della Nato fa i conti su quanto ha speso nei bombardamenti, e i conti tornano se calcola quanto guadagnerà con petrolio e ricostruzione. Ma dei morti, dei feriti, della disperazione di chi scappa e viene ributtato in mare, in questo momento di “gioia” nessuno parla continua »

Pubblicato in Alfabeto dell'Africa

La Norvegia dopo Breivik

22-08-2011

di

L’orgoglio norvegese è stato appena intaccato dal doppio attentato che Anders Behring Breivik ha attuato il 22 luglio scorso con l’autobomba esplosa nel centro di Oslo e la carneficina di Utoya. I 4 milioni e settecentomila norvegesi, dopo un breve periodo di sconcerto e di incredulità, hanno reagito con ciò che hanno di meglio nella loro cultura: la razionalità nordica. Quella razionalità che … continua »

Pubblicato in Europa

MASSACRI IN MEDIO ORIENTE (3) – Lettera aperta da Gaza ai colleghi giornalisti italiani

22-08-2011

di

 In tutti i 360 km² della Striscia di Gaza si succedono i bombardamenti di elicotteri Apache, Droni e cacciabombardieri F16 israeliani che si aggiungono ai cannoneggiamenti dal mare. L’offensiva lanciata da Israele dopo l’attentato di Eliat – immediatamente scattata senza aprire alcuna inchiesta sui reali responsabili – colpisce i civili: solo il primo giorno, 3 i bambini morti su 9 persone: 11, 13, 2 anni i piccoli angeli … continua »

Pubblicato in Medioriente

Dopo Gheddafi: chi ha vinto è sicuro di aver vinto?

22-08-2011

di

Chissà dov’è Gheddafi mentre scrivo. Nell’ultimo bunker? Nascosto nella Sirte della sua tribù? In volo verso il Venuezela, forse l’ultimo paese ad avergli aperto un rifugio? Dalle vacanze, Obama lo invita a deporre il potere ormai perduto: “Il tiranno deve lasciare la Libia per evitare un bagno di sangue”. Sarebbero 1.721 i morti degli ultimi tre giorni di battaglia. In gran parte civili. Oppure finisce come si sono augurati i paesi civili dei bombardieri Nato: Gheddafi sepolto sotto le macerie, … continua »

Pubblicato in Mediterraneo

MASSACRI IN MEDIO ORIENTE (1) – Non è che Cia e Turchia stiano armando la rivolta di chi non sopporta la dittatura di Assad?

22-08-2011

di

Il saggio fa riferimento all’“Opzione Salvador” del Pentagono in Iraq e la sua rilevanza per la Siria. Il programma è stato attuato sotto il mandato di John D. Negroponte, che fu ambasciatore degli USA in Iraq (giugno 2004-aprile 2005). L’attuale ambasciatore in Siria, Robert S. Ford, ha fatto parte del team di Negroponte a Baghdad nel 2004/2005. continua »

Pubblicato in Medioriente

Sur y Sur