La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Salute »

Chi dorme bene vive meglio

27-05-2010

di

L’ambiente nel quale viviamo ci sottopone a cambiamenti repentini, ci offre condizioni sempre meno adeguate alle reali necessità del nostro organismo, per cui non possiamo, al fine di difenderci, che sviluppare reazioni che a volte si inquadrano nella patologia.

I disturbi del sonno sono oramai comuni nella società moderna, anche in relazione al costante calo del numero di ore che vi dedichiamo, quasi non si potesse “perdere tempo”, senza considerare il ruolo vitale del sonno stesso.

Gli scienziati cercano, anche in questo caso, di renderci almeno consapevoli di ciò che siamo e di ciò che facciamo. Attraverso l’applicazione di metodi epidemiologici di indagine è dimostrato che la privazione del sonno pare essere associata ad una varietà di patologie croniche, nonché all’insorgenza di un elevatissima quota di problematiche sanitarie nel corso intero della nostra vita. La medicina del sonno rappresenta, non a caso, un settore clinico in fase di sviluppo e va ad interessare un numero impressionante di specialisti (pneumologi, neurologi, cardiologi, endocrinologi, psichiatri), senza poi dimenticare le implicazioni in materia di epidemiologia, sanità pubblica e medicina preventiva.

Tra il 2000 e il 2004 il gruppo della Carnegie Mellon University (Archives of Internal Medicine) sottopose 153 individui di entrambi i sessi, con un’età media di 37 anni, ad uno studio orientato a cercare un’eventuale relazione tra il sonno ed il funzionamento del sistema immunitario, valutando l’insorgenza del semplice raffreddore in persone sane sottoposte a riposo notturno scarso e/o insoddisfacente.

Gli studiosi osservarono che il rischio di contrarre il raffreddore (tutti gli individui vennero sottoposti all’agente infettivo) triplicava in coloro che dormivano in maniera insufficiente e comunque un numero di ore inferiore alle 8. Si ipotizzò che la mancanza di sonno potesse alterare il sistema immunitario e quindi la capacità dell’organismo di contrastare il virus responsabile dell’infezione.

Il prof. Ron Eccles, Direttore del Common Cold Centre di Cardiff, a sottolineare il valore che la ricerca rivestiva, dichiarò: “il sonno svolge una funzione riparatoria per il sistema immunitario, la sua carenza disturba la capacità dell’organismo di difendersi e non solo nel caso del raffreddore”.

In uno studio italo-britannico recentemente pubblicato sulla rivista medica “Sleep” emerge l’importanza del numero di ore di sonno consumate abitualmente: parrebbe che sia il dormire meno di 6-8 ore per notte, che il dormirne regolarmente di più, possa incidere sulla morbilità e sulla lunghezza della vita.

Poche ore di riposo continuativo aumenterebbero il rischio di morte precoce (prima dei 65 anni di età) del 12%, mentre il dormire più di 9 ore al giorno predisporrebbe ad un aumento della frequenza (30%) di contrarre malattie.

Da tempo è assodata la correlazione tra disturbi del sonno ed alcune patologie, in particolare le cardiopatie, l’ipertensione, l’obesità, il diabete tipo 2 e l’ipercolesterolemia; come è assodato il legame tra un numero insufficiente di ore di sonno e la possibilità di un rapido decadimento delle funzioni cerebrali in termini di performance cognitive e di utilizzo della memoria.

Per quanto riguarda il legame tra la depressione e il troppo dormire non è ben chiaro se piuttosto che la causa, l’ipersonnia non rappresenti una sorta di campanello d’allarme, in ogni modo la relazione sonno-stato dell’umore esiste e va tenuta in considerazione.

Sleep, Health and Society

From Aetiology to Public Health

Edited by Francesco P. Cappuccio, Michelle A. Miller and Steven W. Lockley

Il gruppo di ricerca condotto dall’italiano Francesco Cappuccio, direttore del Programma “Sonno, Salute e Società” dell’Università di Warwick, insieme a ricercatori dell’Università Federico II di Napoli, ha analizzato 16 studi svoltisi in 27 diversi Paesi negli ultimi 25 anni su una popolazione di 1.382.999 individui, ed è giunto alla conclusione che, come afferma lo stesso prof. Cappuccio nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano inglese “The Telegraph”:

“il deterioramento del nostro stato di salute è spesso accompagnato da un’estensione dei periodi di sonno. Dormire costantemente da 6 a 8 ore per notte sarebbe il dosaggio ottimale per la salute. Quello che vogliamo dire con questa ricerca è che il sonno è un fattore estremamente importante per la salute, un fattore che solitamente non viene adeguatamente considerato”.

“La durata del sonno dovrebbe essere considerato come un ulteriore fattore di rischio comportamentale, o rischio marcatore, influenzato da fattori ambientali ed eventualmente suscettibili di cambiamento attraverso l’istruzione e la consulenza, nonché attraverso misure di sanità pubblica volti a modifiche favorevole degli ambienti fisici e di lavoro”.

Note bibliografiche:

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Laureata in medicina e chirurgia si è da sempre occupata di disturbi del comportamento alimentare, prima quale esponente di un gruppo di ricerca universitario facente capo alla Clinica psichiatrica Universitaria P.Ottonello di Bologna e alla Div. di Endocrinologia dell'Osp. Maggiore -Pizzardi, a seguire ha fondato un'associazione medica (Assoc. Medica N.A.Di.R. www.mediconadir.it ) che ha voluto proseguire il lavoro di ricerca clinica inglobando i Dist. del comportamento alimentare nei Dist. di Relazione. Il lavoro di ricerca l'ha portata a proporre, sempre lavorando in equipe, un programma di prevenzione e cura attraverso un'azione di empowerment clinico spesso associato, in virtù dell'esperienza ventennale maturata in ambito multidisciplinare, a psicoterapia psicodinamica e ad interventi specialistici mirati. Ha affrontato alcune missioni socio-sanitarie in Africa con MedicoN.A.Di.R., previo supporto tecnico acquisito c/o il Centro di Malattie Tropicali Don Calabria di Negrar (Vr). Tali missioni hanno contemplato anche la presenza di Pazienti in trattamento ed adeguatamente preparati dal punto di vista psico-fisico. Il programma clinico svolto in associazione l'ha indotta ad ampliare la sfera cognitiva medica avvicinandola all'approccio informativo quale supporto indispensabile. Dirige la rivista Mediconadir dal 2004, è iscritta all'Elenco speciale dei Giornalisti dell'OdG dell'Emilia Romagna e collabora con Arcoiris Tv dal 2005 (videointerviste, testi a supporto di documenti informativi, introduzione di Pazienti in trattamento nel gruppo redazione che oggi fa capo all'Assoc. Cult. NADiRinforma, redazione di Bologna di Arcoiris Tv).
 

Commenti

  1. [...] Per approfondire consulta la fonte: Chi dorme bene vive meglio @ Domani Arcoiris TV [...]

  2. pier paolo olivieri

    Non posso che essere d’accordo con questo articolo molto interessante come al solito..la mia esperienza mi ha permesso di constatare ciò che emerso nelle varie ricerche. In particolar modo mi rifersco al rapporto tra umore e stato di salute e quali ripercussioni possono avere sul sonno. Una dose di preoccupazioni troppo elevata porta un’abbassamento delle ore e della qualità del riposo notturno che nel lungo periodo porta all’insorgenza dello stato catartico-depressivo con un regime di ipersonnia come elemento riparatore,ma al contempo non ristoratore. L’introduzione di nuovi elementi d’interesse abbinato ad una regolare attività psico-fisica determina un equilibrio energetico che trova nel sonno la sua naturale funzione di mediazione e ricarica. Fattori come irritabilità e stanchezza vengono retrocessi al rango di comparse,mentre la capacità di concentrazione e la fruibilità delle proprie risorse stimolano la forza vitale.