La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Ma chi sei? »

Democristiani forever

29-07-2010

di

Ve li ricordate? Ipocriti, melliflui, untuosi, le saccocce piene di promesse non mantenute. Due facce della stessa medaglia: una pronta a farsi carico del vostro problema (recto), l’altra a scaricarlo non appena vi foste allontanati (verso). Mai una pedata nel didietro. Semmai una spintarella. Che, data con eccesso di vigore, poteva trasformarsi in una spinta, quando non in uno spintone con conseguente ruzzolone. Con loro era facile cadere e risollevarsi. Dopo avere inciampato ed essersi ravveduti. Democristiani, spesso incastrati tra le ante degli armadi delle sacrestie e gli sportelli della banche.

Vessati dalla petulante arroganza berlusconiana, soffocati dal padrone che si erge a pontefice massimo dei nostri destini, ci eravamo dimenticati della loro eterna esistenza. Della loro abilità nel dissimulare e stemperare, redarguire e rinviare, nel sorridere e dimenticare, nel chiedere senza chiedere, nel togliere fingendo di dare.

Ci eravamo dimenticati della loro curiale potenza, della sconfinata capacità di peccare e di redimersi, della loro plastica duttilità a essere veneti, calabresi e persino emiliani. Così diversi e già così federati. Divergenti e paralleli.

Sconcertati dalla sterminata clonazione che continua a generare sosia di Berlusconi come in un esperimento riuscito del dottor Mengele, ci eravamo dimenticati del mimetismo dei democristiani, Zelig di periferia in grado di somigliare ai modelli del centro, alle non facce di Mariano Rumor e Toni Bisaglia, perfetti identikit per qualsiasi democristiano di provincia che aspiri a non apparire ma a decidere.

Democristiani, creature venute dallo spazio profondo e insondabile dell’ambizione, capaci di possedere corpi non loro. Di trasferirsi da un partito all’altro, di trasformarsi fuori senza cambiare dentro, negli anni della cosiddetta seconda Repubblica. Metamorfosi non rilevabile dal detector di un’Italia che ha dato a intendere di avere cambiato tutto, ma non si è rifatta neanche il letto in cui ha giaciuto con tanti.

Ci eravamo dimenticati di come e quanti fossero i democristiani.

Ci è tornata la memoria il giorno in cui siamo andati a fare una vasca in centro e ne abbiamo incontrati tanti e tutti in buona salute. Ci hanno salutato e sorriso. Come per dire: tra poco torneremo. Già, ma quando mai se n’erano andati?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Ivano Sartori, giornalista, ha lavorato per anni alla Rusconi, Class Editori, Mondadori. Ha collaborato all’Unità, l’Europeo, Repubblica, il Secolo XIX. Ultimo incarico: redattore capo a Panorama Travel.