La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Salute »

I razzisti che sparano sono sempre matti, ma una ricerca di Princeton fa sapere che gli xenofobi non hanno mai la testa a posto

22-12-2011

di

Todos - Foto di Javier Sánchez Salcedo11 dicembre 2011: campo nomadi alla Cascina Continassa a Torino, viene appiccato un incendio da un nutrito gruppo di sedicenti giustizieri che invocano vendetta a seguire lo “stupro” imputato ad alcuni ospiti del campo. Il reato è stato denunciato da una ragazzina di 16 anni che, non ha trovato soluzione migliore a giustificare i suoi comportamenti dinanzi ai genitori.

Lo stupro non è imputabile né ai denunciati e colpiti, né a nessun altro, non è mai esistito, oggi siamo a considerare una violenza sociale che ha incanalato la rabbia di persone impotenti volgendola verso innocenti vissuti come responsabili di parte del malessere che ha inondato il Paese. Il fatto resta e si identifica nel fumo e nella cenere, in ciò che è rimasto delle case di alcune famiglie nomadi ed, ancor peggio, se possibile, nelle loro anime.

Al di là dell’incriminazione (fasulla o meno) che, nel caso specifico, ha rappresentato la spina irritativa per quei “geni” che hanno pensato di rispondere, come se fosse loro compito e come se questa fosse giustizia, incendiando le abitazioni di una comunità intera, ciò che fa paura è una sorta di legittimazione delle espressioni di razzismo che da troppo tempo aleggia in Italia.

13 dicembre 2011: Firenze, città peraltro da sempre considerata solidale, aperta, multiculturale, diventa la sede di una carneficina razzista perpetrata da un militante di estrema destra che ha aperto il fuoco contro un gruppo di venditori ambulanti senegalesi, solo… anche se pare inopportuna la parola “solo” in casi come questi… perché la loro pelle era nera.

Queste tragedie ci hanno colpito con una rapidità ed una violenza inusuali, non avevamo ancora alzato il capo per la vergogna provocata dai giustizieri furiosi verso un gruppo di persone che, per tradizione e cultura fanno parte di una Comunità nomade… che, come con uno schiaffone, veniamo colpiti dall’atto inumano di un “pazzo” scatenato, che istigato e guidato dall’assurda ideologia xenofoba, decide di sparare a bruciapelo ad innocenti venditori che, per via del colore della loro pelle, sono stati identificati quali vittime sacrificali. Se specifici gruppi ideologici iniziassero a decodificare come possibili nemici tutti coloro che hanno gli occhi verdi… una caratteristica genetica, come il colore della pelle, il colore degli occhi si trasformerebbe in un elemento identificativo di un delirio solitamente condiviso e supportato da devianti manipolazioni oligarchiche.

Fermo restando che mi rimane oscuro il perché si tollerino aggregazioni di persone in associazioni, o altro, animate da ideologie razziste e/o esprimenti mancanza di rispetto nei confronti dei diritti umani, l’uomo che ha sparato sarà anche stato folle, ma certamente l’organizzazione cui faceva capo, nonché CasaPound, rimane un’associazione di ispirazione fascista (tra l’altro dal 2008 ufficialmente associazione di promozione sociale, quindi riconosciuta dall’apparato istituzionale) ed il fascismo nel nostro Paese non dovrebbe essere tollerato (l’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645), ergo NON dovrebbero esistere organizzazioni come quella nel nostro Paese.

Oggi, più che mai, ci sentiamo pervasi dalla vergogna ed abbracciamo i nostri fratelli senegalesi, così come i nostri fratelli Rom… chiniamo il capo, ma al contempo vogliamo stare all’erta al fine di fermare altri personaggi o gruppi fuori legge pronti ad “esibirsi” in tutta la loro stupida, impotente cattiveria.

Discorso di un senegalese umilia la stupidità di CERTI italiani 13 12 2011

Per la più parte delle persone atti efferati come quelli descritti sono inaccettabili, inconcepibili, perseguibili sia legalmente che moralmente, ma credo sia giusto porsi la domanda su come sia possibile che una persona o un gruppo di persone diventino tanto insensibili, disumane, da commettere azioni così atroci.
É vero che il contesto sociale nel quale viviamo agisce da forte induttore di sentimenti non definibili umani, quale è il razzismo; è vero pure che le problematiche economiche e le iniquità che ci assillano scatenano rabbia, che non riuscendo ad incanalarsi, inonda ed innesca pensieri ed azioni devianti; ma rimane la domanda aperta: perché alcuni individui rispondono trasformandosi in bestie ? Che si possa contemplare l’espressione di un errore nel funzionamento cerebrale che vada ad interferire nell’ambito dell’interazione sociale ?

Uno studio condotto da ricercatori della Duke University e della Princeton University, pubblicato sul 3° volume 2011 del Journal of Psychology, suggerisce un distacco dal reale, quindi dal vissuto umano e umanizzante di alcuni individui posti in condizioni particolari, tali da scatenare una sorta di delirio disumanizzante dinanzi ad altri individui che per le ragioni “le più irragionevoli”, considerano disgustosi.

Viene posto in essere una decodifica della realtà che disumanizza la vittima, quindi la priva di ogni pensiero e sentimento; la carica di un significato ben lungi dall’essere comprensibile per una mente sana. Si crea un deficit cerebrale, un buco nero nel quale può diventare facilissimo inserire deliri di massa pilotati nell’ambito della propaganda che il più delle volte li sostiene, oltre che crearli. I “ragionamenti” deliranti in questione riescono a decodificare altri esseri umani come i responsabili del disagio percepito, quindi li traducono in metaforiche, e solitamente disgustose, figure, come avvenne in Rwanda quando la popolazione di etnia Tutsi veniva identificata come “gli scarafaggi”, oppure nella Germania di Hitler che identificava le persone di religione ebrea quali “parassiti”.

Tutto questo è pericolosissimo, e per l’individuo e per la collettività tutta, vista la miopia, che a quanto pare persiste, di gruppi di politicanti a loro volta, verosimilmente, affetti da gravi deficit cerebrali, ma con la possibilità di nuocere a largo raggio, visto il potere di cui godono (vedi sdr. da Hubris). La mente umana sana non riesce nemmeno a concepire il concetto di “razza” nell’ambito umano, essendo tutti noi appartenenti ad un’unica razza animale, ne consegue che la concezione razzista, di per sé, denuncia malattia mentale. “La American Psychiatric Association, nella quarta edizione del suo Manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali (DSM-IV) include nella descrizione di una fobia un’intensa ansia che si manifesta in seguito all’esposizione “all’oggetto della fobia, sia nella vita reale che nella vita immaginaria o in video”.

Secondo Lasana Harris, uno degli autori della ricerca (Duke University’s Department of Psychology & Neuroscience and Center for Cognitive Neuroscience):

Quando incontriamo una persona, solitamente ci facciamo un’idea di chi abbiamo dinanzi, a volte non riusciamo a farlo, aprendo la possibilità di non percepirla pienamente umana.

Il vissuto dell’altro non può non passare attraverso la nostra mente, quindi, i nostri pregiudizi, il nostro modo di leggere il mondo. Un mondo che spesso e volentieri impone le chiavi di lettura, costruendo muri virtuali in grado di tenere separati in gruppi gli esseri umani, tanto da impedire loro di acquisire la consapevolezza della forza dell’insieme.

L’approccio neuroscientifico sociale ha dimostrato, attraverso studi che hanno utilizzato la RNM (Risonanza Nucleare Magnetica), che normalmente le persone attivano circuiti cerebrali relativi alle cognizioni sociali (pensieri, sentimenti, empatia) quando visualizzano o pensano all’altro. Nel processo intervengono i vissuti individuali, le idee preconcette, il substrato culturale, l’immaginario collettivo, tanto che dinanzi a persone considerate reiette, pericolose o sgradevoli, come potrebbero essere i tossicodipendenti, i senzatetto, gli immigrati poveri, gli stessi circuiti cerebrali rispondono in maniera diversa.

Ciò che risulta particolarmente evidente è che la gente risulta facilmente condizionata dalla cognizione del contesto sociale di appartenenza, rischiando di perdere la consapevolezza dell’umanità, comunque facente parte dell’altro, chiunque esso/a sia. Il pensare alle esperienze di vita delle persone con le quali veniamo a contatto ci permette di renderli pienamente umani dentro di noi, sino a raggiungere il nostro spazio del silenzio, quello spazio che solo noi conosciamo e che ci permette di pensar-ci, metabolizzare, costruire un altro pezzo di noi anche attraverso l’altro.

Era già emerso in studi precedenti che il non riuscire a pensare all’esperienza di vita del nostro interlocutore, al di là della relazione che potremmo instaurare, staccandolo da ciò che caratterizza per noi la quotidianità, come se a quella persona non appartenesse, crea una enorme differenza di valutazione, tanto da disumanizzarla immergendola nell’oscurità e quindi nella paura del non conosciuto. Lo studio in esame rinforza l’ipotesi psicologica attraverso la registrazione strumentale, in quanto la riesce a correlare con l’attivazione di regioni del cervello coinvolte nel disgusto, nell’attenzione e nel controllo cognitivo a difesa, anche al di là dell’immaginario sociale e la definisce come “percezione disumanizzante”.

Tale enorme mancanza di empatia verso gli altri in alcune persone tende ad ipertrofizzarsi e può spiegare cosa e come possa sottendere comportamenti atroci, distruttivi, pericolosi. La valutazione è stata eseguita su 119 studenti dell’Università di Princeton, che sono stati sottoposti alla visualizzazione di immagini appartenenti a diverse categorie di persone. Gli esaminandi hanno risposto connotando specifiche categorie di persone a precisi sentimenti. Ad esempio l’immagine del pompiere ha destato orgoglio, quella della giovane donna in carriera, invidia, un uomo anziano o una donna disabile hanno destato sentimenti di pietà, ma, al contrario ed in maniera piuttosto univoca, l’immagine del barbone o del tossicodipendente ha destato disgusto.

In una fase successiva dell’esperimento si è invitato i partecipanti la ricerca a ripensare alle stesse immagini immergendole nella vita, dando loro un significato noto e famigliare: le risposte sono cambiate, in quanto sono emerse le emozioni, ha prevalso l’umanizzazione. Il processo di disumanizzazione è un fenomeno complesso, come asserisce, peraltro, la Harris, e non lo si può liquidare con la denuncia, la protesta, lo sdegno (che pure occorrono), risulta indispensabile lo studio approfondito delle relazioni interpersonali patogene. Occorre mettere in atto valutazioni specifiche orientate ad interrompere circuiti propagandistici che, come purtroppo stiamo constatando, innescano dinamiche mentali disturbate e/o dotate di insufficienti strumenti critici.

La conflittualità che è dentro ognuno di noi è facilmente manipolabile, può deviare verso la messa in atto di meccanismi autolesivi, come eterolesivi. É sempre più indispensabile creare l’opportunità di fornire strumenti psichici adeguati attraverso l’impegno pedagogico di coloro che si trovano, per le ragioni più svariate, a svolgere un ruolo educativo. Fermo restando che occorrerebbe istituire luoghi d’incontro ove esperti del settore potessero rinforzare, stimolare, restituire, forse, l’umanità persa, tanto per fare un esempio, nel tubo catodico che oggi “digitalizzerà”, ma che persiste, forse in maniera rinforzata, avendo ampliato la gittata, nella costruzione di una ragnatela che impedisce a molti di noi di vedere che esiste ” un oltre”.

Lucky Dube – Different Colours

Note di approfondimento

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/04. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Laureata in medicina e chirurgia si è da sempre occupata di disturbi del comportamento alimentare, prima quale esponente di un gruppo di ricerca universitario facente capo alla Clinica psichiatrica Universitaria P.Ottonello di Bologna e alla Div. di Endocrinologia dell'Osp. Maggiore -Pizzardi, a seguire ha fondato un'associazione medica (Assoc. Medica N.A.Di.R. www.mediconadir.it ) che ha voluto proseguire il lavoro di ricerca clinica inglobando i Dist. del comportamento alimentare nei Dist. di Relazione. Il lavoro di ricerca l'ha portata a proporre, sempre lavorando in equipe, un programma di prevenzione e cura attraverso un'azione di empowerment clinico spesso associato, in virtù dell'esperienza ventennale maturata in ambito multidisciplinare, a psicoterapia psicodinamica e ad interventi specialistici mirati. Ha affrontato alcune missioni socio-sanitarie in Africa con MedicoN.A.Di.R., previo supporto tecnico acquisito c/o il Centro di Malattie Tropicali Don Calabria di Negrar (Vr). Tali missioni hanno contemplato anche la presenza di Pazienti in trattamento ed adeguatamente preparati dal punto di vista psico-fisico. Il programma clinico svolto in associazione l'ha indotta ad ampliare la sfera cognitiva medica avvicinandola all'approccio informativo quale supporto indispensabile. Dirige la rivista Mediconadir dal 2004, è iscritta all'Elenco speciale dei Giornalisti dell'OdG dell'Emilia Romagna e collabora con Arcoiris Tv dal 2005 (videointerviste, testi a supporto di documenti informativi, introduzione di Pazienti in trattamento nel gruppo redazione che oggi fa capo all'Assoc. Cult. NADiRinforma, redazione di Bologna di Arcoiris Tv).
 

Commenti

  1. [...] l’ho scritto io………. Fonte: Domani Share this:EmailStampaFacebookRedditTwitterLike this:LikeBe the first to like this post. Per [...]

  2. Silvia Piazzi

    Molto bello ed interessante. Importante, credo, sapere che l’emergere delle emozioni, spesso dimenticate, nascoste, compresse..siano ciò che porta all’umanizzazione della persona e di conseguenza all’evitare che ci si chiuda solo in una forte ed estrema “paura dell’altro”.