La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Salvatore Marracino, 28 anni, è morto per un banale incidente: stava pulendo l'arma ed è partito un colpo, secondo la versione ufficiale. Invece i documenti del Pentagono resi pubblici da Wikileaks spiegano che è stato ucciso "da fuoco amico". Insomma, errore dei commilitoni. Ma la madre che non sopporta la verità riassume la voglia degli italiani di non guardare cosa sta succedendo

La mamma di un soldato ucciso in Iraq non vuol sapere chi lo ha colpito con la pallottola fatale

28-10-2010

di

Salvatore MarracinoC’è stato un tempo in cui i documenti inchiodavano i colpevoli e assolvevano gli innocenti. Se le prove erano schiaccianti e non concedevano scappatoie bisognava arrendersi all’evidenza. Non è più così da quando la politica vuole assoggettarsi la giustizia (e ci riuscirà se passano le riforme volute da Silvio Berlusconi). Già oggi però documenti e prove sono considerati pezzi di carta straccia. Non hanno più valore oggettivo.

Solo i magistrati continuano ad averne rispetto, mentre gran parte del pubblico televisivo li considera falsità, montature, imbrogli da azzeccagarbugli. Una qualsiasi velina vale più di qualsiasi inchiesta o rivelazione. In certi casi, questo rifiuto di capire è umanamente comprensibile. Ammettere che un’autorità costituita possa mentire o addirittura averti mentito è come permettere al mondo di caderti addosso. Soprattutto se questa istituzione gode da qualche anno a questa parte di rinnovato credito perché da guerrafondaia è riuscita a rifarsi una verginità come pacefondaia. Per chi le crede.

Tra i vari file pubblicati da Wikileaks, il sito di Julian Assange che sta facendo venire i sudori freddi ai vertici del Pentagono (a proposto delle guerre Iraq e Afghanistan) ce ne sono un paio relativi a fatti in cui sono stati coinvolti soldati italiani. Uno, per esempio, riguarda il sergente della Folgore Salvatore Marracino, morto in Iraq nel marzo 2005.

«Fu colpito accidentalmente» da fuoco amico nel corso di un’esercitazione, si legge in un documento ufficiale del Pentagono trafugato e pubblicato da Wikileaks. La versione accreditata all’epoca era invece che il 28enne di San Severo (Foggia) si fosse sparato in fronte mentre maneggiava la sua arma rimasta inceppata. «A noi hanno sempre detto che Salvatore è morto per un incidente causato dalla sua arma», ha confermato la madre Maria Luigia Grosso. Che poi ha aggiunto: «Devo dire, con estrema sincerità, che l’Esercito ci è stato e ci è sempre vicino. Hanno ricordato mio figlio con una targa nella caserma Pisacane di Livorno, gli hanno dedicato un torneo e anche intitolato una palestra».

Reazione comprensibile. Perché scavare? Per disonorare un eroe? Nel dubbio, perché promuovere azioni legali? Perché mostrarsi irriconoscenti verso l’esercito che ha fatto le condoglianze, affisso una targa, intitolato un torneo e una palestra?

I genitori che vogliono sapere come i loro figli sono morti in Iraq o in Afghanistan, che preferiscono la verità a onorificenze da quattro soldi, probabilmente esistono solo nella fantasia di qualche scrittore o regista. In film come L’uomo nell’ombra o Nella valle di Elah.

Perché meravigliarsi? Vi sono persone che continuerebbero a votare per B. anche se lo scoprissero in flagrante mentre stupra, ruba dalla casetta delle elemosine o uccide un avversario in diretta televisiva. Direbbero che è una montatura delle toghe rosse, una prova costruita con Photoshop, un ologramma inviato da Di Pietro.
Non esistono documenti e prove inconfutabili per le persone deboli che hanno bisogno di una fede forte per poter continuare a vivere e votare.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Ivano Sartori, giornalista, ha lavorato per anni alla Rusconi, Class Editori, Mondadori. Ha collaborato all’Unità, l’Europeo, Repubblica, il Secolo XIX. Ultimo incarico: redattore capo a Panorama Travel.