La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Salute »

Le terapie convenzionali non sempre ce la fanno a guarire il malato. Ecco la scoperta che ridà speranza a milioni di pazienti. Solo una speranza? Scienziati spagnoli assicurano che funziona sugli animali. Adesso tocca all’uomo

Scoperto il gene che distrugge i tumori della pelle e al polmone

27-09-2010

di

Al microscopio elettronico: batteriofagi (coliphagi T1) attaccano la parete di una cellula batterica

I ricercatori dell’Università di Granada hanno sviluppato una nuova terapia destinata al trattamento del tumore alla cute e di quello al polmone. La terapia prevede l’utilizzo del gene-E, gene colifagico, ossia un un tipo di batteriofago che infetta Escherichia coli. Nel caso specifico questo gene induce le cellule che infetta a perseguire la loro stessa morte.

Gli studi hanno dimostrato che questa tecnica non è efficace solo in vitro, utilizzando culture di cellule tumorali, ma anche in vivo, sperimentandole su animali sui quali precedentemente viene indotto il tumore.

Malgrado sia indispensabile condurre ulteriori ricerche, i risultati ottenuti dai ricercatori di Granada rivelano l’intensa attività antitumorale del gene E che potrebbe diventare un nuovo strumento di approccio terapeutico a questa patologia.

Lo studio è stato condotto da Raúl Ortiz Quesada, del Dipartimento di Anatomia ed Embriologia umana dell’Università di Granada, e dai professori Antonia Aránega Jiménez, José Carlos Prados Salazar y Consolación Melguizo Alonso.

La scarsa efficacia in termini di sopravvivenza a lungo termine delle terapie convenzionali di pazienti con cancro ai polmoni e alla cute ha indotto gli scienziati a rivolgersi all’uso potenziale della combinazione genica. L’approccio utilizza geni che codificano proteine che influenzano la tossicità cellulare. Il gene GEF da Escherichia coli, identificato come membro di una famiglia genica che codifica omologhi di cellule-killer specifiche per le proteine delle membrane delle cellule tumorali, va ad inibire la crescita della formazione patogena. Nelle cellule interessate si evidenziano cambiamenti ultrastrutturali che incidono sulla vitalità stessa cellulare, ad esempio mitocondri dilatati con smantellamento di creste e alterazioni della superficie delle cellule come la riduzione in lunghezza e nel numero dei microvilli, oltre che evaginazioni della membrana citoplasmatica.

Questa è la prima volta che si utilizza questo tipo di gene in cellule eucariotiche nel trattamento di tumori; durante le prove in vitro si sono studiati gli effetti di questi geni sul melanoma B16-F10, è stato poi utilizzata la sperimentazione per generare tumori in vivo e analizzare i loro effetti. É una tecnica sperimentale che apre parecchie possibilità almeno a livello di testistica clinica nel prossimo futuro; è già stata sperimentata nell’adenocarcinoma polmonare A549.

L’inibizione alla crescita tumorale delle cellule in cultura in presenza del gene E entro 72 ore è stata del 72% e 35% rispettivamente , comparando all’esperimento in vivo. L’utilizzo del gene E sul melanoma indotto nei topi ha prodotto una regressione del tumore di un 70-80% entro gli 8 giorni di trattamento.

Raúl Ortiz Quesada ha affermato che in un prossimo futuro, quando le terapie genetiche permetteranno di migliorare l’espressione controllata di questi geni nelle cellule tumorali e ridurre i rischi connessi al loro uso clinico, potrebbero essere utilizzati come strumento efficace nel trattamento di queste patologie. Il professore afferma, inoltre, che quando questo gene lo si potrà combinare con la chemioterapia si potranno ridurre gli effetti degli agenti chemioterapici permettendo, così, una riduzione nelle quantità somministrate e conseguentemente degli effetti collaterali alla chemioterapia.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati in prestigiose riviste scientifiche specializzate in oncologia (Journal of Molecular Medicine) e in dermatologia ( Experimental Dermatology)

note bibliografiche:

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Laureata in medicina e chirurgia si è da sempre occupata di disturbi del comportamento alimentare, prima quale esponente di un gruppo di ricerca universitario facente capo alla Clinica psichiatrica Universitaria P.Ottonello di Bologna e alla Div. di Endocrinologia dell'Osp. Maggiore -Pizzardi, a seguire ha fondato un'associazione medica (Assoc. Medica N.A.Di.R. www.mediconadir.it ) che ha voluto proseguire il lavoro di ricerca clinica inglobando i Dist. del comportamento alimentare nei Dist. di Relazione. Il lavoro di ricerca l'ha portata a proporre, sempre lavorando in equipe, un programma di prevenzione e cura attraverso un'azione di empowerment clinico spesso associato, in virtù dell'esperienza ventennale maturata in ambito multidisciplinare, a psicoterapia psicodinamica e ad interventi specialistici mirati. Ha affrontato alcune missioni socio-sanitarie in Africa con MedicoN.A.Di.R., previo supporto tecnico acquisito c/o il Centro di Malattie Tropicali Don Calabria di Negrar (Vr). Tali missioni hanno contemplato anche la presenza di Pazienti in trattamento ed adeguatamente preparati dal punto di vista psico-fisico. Il programma clinico svolto in associazione l'ha indotta ad ampliare la sfera cognitiva medica avvicinandola all'approccio informativo quale supporto indispensabile. Dirige la rivista Mediconadir dal 2004, è iscritta all'Elenco speciale dei Giornalisti dell'OdG dell'Emilia Romagna e collabora con Arcoiris Tv dal 2005 (videointerviste, testi a supporto di documenti informativi, introduzione di Pazienti in trattamento nel gruppo redazione che oggi fa capo all'Assoc. Cult. NADiRinforma, redazione di Bologna di Arcoiris Tv).
 

Commenti

  1. giovanna arrico

    Bell’articolo Dott.a Barbieri. Chiaro, sintetico e interessante. Il prossimo?